otto giorni alla partenza

Ad otto giorni dalla partenza per Gerusalemme ho deciso di aprire questo blog per raccontare, attraverso le mie lenti, pezzi della pace e della guerra tra israeliani e palestinesi. Per capire qualcosa di più, per non cedere alla rassegnazione.

 

otto giorni alla partenzaultima modifica: 2008-02-07T21:51:42+01:00da handala83
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “otto giorni alla partenza

  1. Ciao Enrico, spero tutto bene lì…. Seguiró con piacere il tuo viaggio…In bocca al lupo per tutto. un saluto da perugia

  2. Ciao Enrico, spero tutto bene lì…. Seguiró con piacere il tuo viaggio…In bocca al lupo per tutto. un saluto da perugia

  3. Bene, grazie della sorpresa.
    Sappi che è importante e lugimirante la tua idea.
    Perseguila e non mollare.
    Chissà quanto ti potrò seguire ma se dai un contributo alla pace, anche minimo, è grandioso.
    Se lo dessimo…., seppur minimo, è grandioso al plurale…..verso la pace.

    Scritto da : Dante 29/02/2008

  4. Enrico,
    le nazioni seguono identico destino degli uomini, i molti lati oscuri e la barbaria. La quale è tanto più oscura e feroce quanto è maggiore la vicinanza di sangue e distanza con il nemico. La tua sensibilità e preparazione storica ti permetteranno mettere in luce tutti i lati ambigui d’ogni guerra. Rilevare come gli antagonisti sono vittime delle stesse parole d’ordine: patria, dio, famiglia. Valori astratti per i quali s’uccide e ci si fa uccidere, l’altro è solo ostacolo da eliminare. La pietà è per tutti coloro che cadono in questo oscuro baratro. Tu hai iniziato a raccontarlo con efficacia e cuore. La storiografia vorrebbe il sangue gelido ma tu sei un profeta di pace.

    un abbraccio danilo

  5. Facciamo qualcosa per Gaza.
    Che stà succedendo secondo la stampa israeliana a GAZA?
    E secondo te?
    Da noi arrivano solo le notizie di attacchi e morti,
    tutto ovattato,
    chi attacca ed uccide soprattutto i civili si “difende”,
    chi viene attaccato che ruolo svolge?
    Buon lavoro
    Dante

  6. Facciamo qualcosa per Gaza.
    Che stà succedendo secondo la stampa israeliana a GAZA?
    E secondo te?
    Da noi arrivano solo le notizie di attacchi e morti,
    tutto ovattato,
    chi attacca ed uccide soprattutto i civili si “difende”,
    chi viene attaccato che ruolo svolge?
    Buon lavoro
    Dante

  7. Caro Enrico,
    mi è spiaciuto non esserci per la tua laurea (ero fuori pg) e non ho potuto salutarti quindi ti mando ora un grandissimo abbraccio. Il gr 45 ti segue sempre. Sabato avremo l’Assemblea Circ. e avremmo voluto “incastrarti”….:) in ogni caso avrai presto nostre notizie. Baci,
    Elisabetta

  8. Ciao Alberto (hi hi!),
    innanzitutto grazie per avermi presentato il tuo blog! Non vorrei nemmeno chiamarlo blog primo perchè è un nome troppo comune di questi tempi, e secondo perchè se hai scelto questa veste grafica c’è sicuramente un motivo più che valido!
    Sono sicura che tu ami più i libri che i blog. I libri li puoi sfogliare e portare con te come fossero fedeli compagni di viaggio, per questo io preferisco immaginare che tu stia scrivendo un libro dal quale ogni tanto ci lasci sbirciare nonostante non sia ancora finito!
    E allora, ti prego, quando ti addormenti non nascondere il libro sotto il cuscino ma lascialo sempre nel solito posto così possiamo continuare a sbirciare e sentirci più vicini a te, anche stando a Cagliari!
    Manu

I commenti sono chiusi.